Ricevo da Girolamo De Michele ed inoltro in un flash.
Martedì 30 novembre 2010 ore 15,30: Flash Mob in piazza Trento e Trieste a Ferrara, contro la riforma dell’università e in difesa della scuola pubblica.
Si tratta di essere in piazza prima delle 15.30 (la  puntualità è essenziale) con un libro, e al segnale, per un quarto d’ora, rimanere fermi a leggere (in piedi, seduti, come vi pare).
La stampa è informata e dovrebbe riportare la notizia, anche perché sarà il primo Flash Mob di massa a Ferrara.
Nello stesso momento si svolgeranno manifestazioni in tutta Italia, per impedire l’approvazione della riforma dell’Università.
Per chi non avesse mai sentito parlare di Flash Mob, si tratta di una manifestazione assolutamente pacifica (non richiede autorizzazione, ma la questura è stata preventivamente informata): a un dato segnale, ci si ferma per un tempo determinato e si rimane sul posto fino al segnale successivo.
Da Wikipedia – Con il termine flash mob (dall’inglese flash: breve esperienza o in un lampo, e mob: folla) si indica un gruppo di persone che si riunisce all’improvviso in uno spazio pubblico, mette in pratica un’azione insolita per un breve periodo di tempo per poi successivamente disperdersi. Il raduno viene generalmente organizzato attraverso comunicazioni via internet o tramite telefoni cellulari.
Se condividete lo spirito dell’iniziativa, fate circolare questo messaggio, o almeno la notizia.
Comunque partecipiate, buona lettura statica. Mauro

Annunci