globale-localeMi piace segnalare questa bella, vivace ed interessante iniziativa editoriale.
FerraraItalia è un nuovo quotidiano web indipendente, un osservatorio globale-locale sull’attualità.
Ha la freschezza e l’immediatezza del blog, l’attitudine all’approfondimento propria del periodico, la frequenza di aggiornamento del quotidiano.
Ferraraitalia si propone come osservatorio giornalistico indipendente che orienta lo sguardo sull’attualità più che sulla cronaca in senso stretto.
Attraverso opinioni, inchieste, interviste e vicende emblematiche cerca di fornire chiavi di comprensione e strumenti di interpretazione per capire la realtà in cui viviamo, in una prospettiva che considera l’inscindibile interazione fra particolare e generale, centrale e periferico, micro e macrocosmo.
Questo nuovo quotidiano online attraverso minuti fatti o marginali accadimenti tenta di rivelare la realtà più ampia della quale tali vicende sono espressione, scegliendo il caso particolare come estrinsecazione di una attitudine generale o riflesso di un orientamento diffuso.
Ferraraitalia non nutre l’ambizione di rendicontare in maniera esaustiva gli avvenimenti della città. Il punto di osservazione è Ferrara, l’orizzonte di riferimento è il mondo.
La consapevolezza presente è che locale e globale rappresentano dimensioni assolutamente complementari.
LenteIl direttore responsabile di FerraraItalia è Sergio Gessi.
Oltre a lui scrivono: Francesca Carpanelli, Riccarda Dalbuoni, Barbara Diolati, Camilla Ghedini, Giorgia Mazzotti, Valentina Preti; Enzo Barboni, Fiorenzo Baratelli, Loredana Bondi, Andrea Cirelli, Giuseppe Fornaro, Monica Forti, Maura Franchi, Giuliano Guietti, Francesco Lavezzi, Virginia Malucelli, Alessandro Oliva, Silvia Poletti, Andrea Poli, Riccardo Roversi, Vittorio Sandri, Giuliano Sansonetti, Valentina Scabbia, Mario Sunseri, Franco Stefani, Gian Pietro Testa, Gianni Venturi e anche il sottoscritto.
ferrara9Dalla presentazione di FerraraItalia
Un citatissimo precetto del giornalismo anglosassone è quello che impone la netta separazione fra fatti e opinioni. Come se fosse possibile! Come se il narratore potesse d’incanto spogliarsi (solo perché lo vuole) della propria soggettività cioè del proprio modo di guardare il mondo, riponendo quasi fossero occhiali, le invisibili lenti mentali che ne condizionano la percezione e ne orientano comprensione e giudizio.

Bene, noi stiamo fuori dai confini della disputa. Il nostro quotidiano infatti non rendiconterà fatti, quindi non pubblicherà notizie in senso proprio, ma opinioni su ciò che accade e sulla realtà che viviamo. Quindi pareri, punti di vista, commenti, riflessioni. Gli avvenimenti della città troveranno rappresentazione nelle inchieste della nostra redazione.
L’obiettivo non è strettamente informare, ma cercare di capire e di comprendere. Lo faremo anche attraverso lo strumento dell’intervista, chiamando in causa personalità autorevoli o comunque esperte degli argomenti e dei temi di volta in volta in trattazione; oppure personaggi in qualche misura emblematici, o rappresentativi di realtà più ampie e complesse.
La scelta della testata “FerraraItalia” è insieme un omaggio al buon giornalismo e un’espressione programmatica. Come il celebre “Milano, italia” di Enrico Deaglio e poi di Gad Lerner ai tempi di tangentopoli assunse la città quale paradigma e specchio di un fenomeno di dimensioni e rilievo generale, così per noi Ferrara sarà il microcosmo in cui il Paese si specchia e al contempo il laboratorio che lancia segnali alla macrorealtà di cui è parte integrante e costituente.
FerraraItalia è qui: http://www.ferraraitalia.it/
Ma anche qui: https://www.facebook.com/ferraraitaliaquotidiano
Infine qui: @FerraraItaliaIt
Comunque osserviate, ascoltiate, leggiate in maniera globale-locale, buona partecipazione. Mauro

ferrara-castello

Annunci