NonnaVotaSìVuoi fare qualcosa per il referendum? Chiama la nonna!
#‎StopTrivelle #‎NonnaVotaSì
Per il referendum del 17 aprile contro le trivelle, in contrapposizione a un iniziale silenzio di stampa e televisioni e l’invito all’astensione da parte dello stesso governo, si sta assistendo a una capillare mobilitazione dal basso.

È proprio nell’ottica di questa urgenza di mobilitazione che un gruppo di attivisti creativi si è chiesto come poter contribuire per informare la cittadinanza e ha realizzato un divertente video-tutorial che consente a chiunque di rendersi parte attiva nella campagna referendaria per il Si.
Come spiega l’attrice Francesca Romana di Santo nel video, basta un telefonino, trovarsi in un luogo pubblico e affollato (alle poste, mentre si fa la fila al supermercato, su bus o metro) e simulare una telefonata con una nonna con problemi di udito a cui si spiega a voce alta perché andare a votare Si il 17 aprile: la simulazione può dare campo libero a battute divertenti e doppi sensi che attireranno l’attenzione delle persone vicine e magari convincerle a votare.
Per rendere la campagna virale, gli utenti sono inoltre invitati a filmarsi mentre simulano la telefonata con la nonna e a condividere il proprio video con l’hastag #NonnaVotSì .
Il video online da oggi ha già raccolto migliaia di visualizzazioni.

Annunci