Chick_Corea-ph_Presini-3
Chick Corea, 1981 (ph M.Presini)

Negli anni 1976, quando ancora non pensavo di fare il maestro elementare, ascoltavo i suoi dischi consumandoli a forza di farli girare sul piatto del mio giradischi.
Nel 1977, quando le radio erano libere “ma libere veramente[1], trasmettevo i suoi dischi di notte, in una radio libera ferrarese, durante un programma di musica jazz.

Nel 1981, quando i prezzi dei biglietti dei concerti erano alla portata di quasi tutte le tasche, ho avuto la possibilità di vederlo suonare insieme ad Herbie Hancock, altro grandissimo pianista jazz, e di scattargli qualche fotografia.
Nel 1984, quando avevo finalmente deciso di fare il maestro elementare, è uscito il suo splendido album “Children’s Songs” (Canzoni per bambini).
Nelle note di copertina del disco, lui scrive di aver voluto trasmettere la semplicità come bellezza rappresentata nello spirito di un bambino.
Uso spesso a scuola quel disco, nel senso che quando i bambini e le bambine scrivono le loro storie, le loro poesie, le loro cronache, collego il mio ipod alle casse acustiche e molto spesso metto in sottofondo proprio le 20 children’s songs e l’addendum finale.
A loro piace molto perché si lasciano trasportare dalla bellezza di quelle musiche e, di conseguenza, appoggiano i loro pensieri prima sulle quelle note e poi sul quaderno.

Chick_Corea-ph_Presini-4
Chick Corea, 1981 (ph M.Presini)

Il risultato è sicuramente diverso rispetto a quando scrivono senza la leggerezza di quella musica.
Anche per ringraziarlo di questo, e di tutte le altre straordinarie musiche che ci ha regalato, una decina di giorni fa (il 18 aprile 2017), quando aveva da poco terminato il suo concerto al Teatro Comunale di Ferrara, l’ho cercato per dirgli “grazie” personalmente .
È singolare come certe persone riescano ad essere così straordinariamente famose e così contemporaneamente umili ed accoglienti; sono rimasto davvero sorpreso dalla sua disponibilità umana: gli avevo portato un po’ di copie de “La Gazzetta del Cocomero”, (il giornale dei bambini della scuola di Cocomaro di Cona) che lui, a sua volta sorpreso, ha mostrato di apprezzare molto.
Mi ha ascoltato mentre raccontavo dei bambini che ascoltano la sua musica mentre scrivono, ha chiesto, si è informato e, anche se ci siamo scambiati solo poche battute, mi è sembrato di parlare con una persona che riesce davvero ad trasmettere lo spirito della semplicità e dell’umiltà nel senso più alto del termine….
E pensare che noi lo chiamavamo CiCoria “maccheronizzando” il suo vero nome che invece è: Armando “Chick” Corea.
James Matthew Barrie, l’autore di Peter Pan o il ragazzo che non voleva crescere scriveva: “La vita è una lunga lezione d’umiltà“; nel mio piccolo vorrei ringraziare in maniera sincera ed emozionata Chick Corea per questa ennesima, intensa lezione di umiltà che mi ha regalato.

Chick_Corea-ph_Presini
Chick Corea, Ferrara 18 aprile 2017

Chick Corea – The Musician (trailer)
https://www.youtube.com/watch?v=fovP-cTXPHs

[1] Cfr. “La Radio” di Eugenio Finardi  “E se una radio è libera, ma libera veramente, mi piace ancor di più perché libera la mente ”.

Annunci