20170529_131534_pixelIn questo post provo a raccontare la storia della mensa autogestita nella scuola elementare a tempo pieno di Cocomaro di Cona, in provincia di Ferrara, che frequento dal 1986.
Pensando di fare una cosa utile alle persone interessate, ho trascritto, riordinato ed integrato la registrazione del mio intervento, fatto all’incontro  intitolato “La mensa che (non) vorrei”, svoltosi il 29 maggio scorso a Ferrara. 

Nel post sono allegati una dozzina di documenti, per leggerli basta cliccare sulle parti di testo sottolineate scritte in blu. Qualunque precisazione, correzione e/o contributo saranno accolti molto volentieri.
Comunque la pensiate, buona lettura.

In questo mio intervento, vi parlerò nel ruolo di maestro ma anche in quello di “socio fondatore” dell’Associazione “Comitato Mensa di Cocomaro di Cona”, visto che nel 2001 ho fatto parte del gruppo di persone che, dopo aver sottoscritto l’Atto Costitutivo, sono diventate componenti del primo Consiglio Direttivo dell’Associazione di cui sopra.
Una breve premessa prima di iniziare: io penso che uno dei motivi per cui molti dei politici attuali mostrano grandi difficoltà a progettare per il futuro non sia solo l’urgenza di gestire i problemi del presente ma anche la scarsa memoria del passato.
03_29_1quaterPossiamo imparare molte cose dalla storia: non per ripeterla tale e quale ma per conoscere le scelte fatte in un determinato contesto per raggiungere un traguardo condiviso.

Per questo motivo ho bisogno di raccontarvi prima, seppur brevemente, la storia della scuola di Cocomaro di Cona: essa infatti è legata, in maniera indissolubile, alla storia del nostro Comitato Mensa.
Le fonti del mio racconto sono i documenti che sono andato a ricercare presso gli archivi di Stato e della segreteria scolastica, i verbali dell’epoca, i racconti dei genitori e degli amministratori, oltre alla mia esperienza diretta.
Parto dall’anno 1962: in quel periodo, a Ferrara, l’assessore alla pubblica istruzione era Bruno Pancaldi ed il sindaco era Spero Ghedini.
Gli amministratori locali dell’epoca avevano in mente di costruire, nella frazione di Cocomaro di Cona, una scuola “mista” cioè con due classi di scuola elementare ed una sezione di scuola materna.
Il progetto, approvato all’unanimità da tutti i 34 consiglieri comunali, prevedeva una spesa di 14.400.000 lire.
(Leggi qui gli
atti_del Consiglio_Comunale del novembre 1962 e qui le Osservazioni_della Commissione_Edilizia_del 1963 per la rielaborazione del progetto).
03_29_7bisSempre nel 1963 il progetto si arricchisce del preventivo di spesa per l’arredamento della scuola: era di 21 milioni e mezzo di lire ed in Consiglio Comunale ottiene ancora tutti i voti a favore.
Qui si possono leggere le osservazioni dei carabinieri a cura del comandante Ernesto Bregante e quelle del Provveditore agli Studi: dottor Paolo Biagini, dello stesso anno.
Arriviamo al 1965: il costo della scuola diventa di 39 milioni e mezzo di lire lire ed il consiglio comunale, con i suoi 46 consiglieri, approvò all’unanimità la costruzione dell’edificio.
Finalmente nel 1971 la scuola è costruita.
La scuola di Cocomaro di Cona è stata fra le prime del Comune di Ferrara a funzionare a “tempo pieno” : questa non è una definizione generica ma nasce da una legge: la numero 820 del 21 settembre 1971 che prevede un’organizzazione scolastica basata sulla frequenza degli alunni per 5 giorni alla settimana, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 16.30 cioè per 8 ore giornaliere (40 ore settimanali), con la mensa interna.
Mi piace sempre ricordare che questa è una delle leggi nate da un bisogno forte di una scuola che potesse offrire un tempo più lungo per realizzare alternative educative più ampie rispetto alla scuola tradizionale. In sintesi scuola a “tempo pieno” significa rispettare i tempi di apprendimento del bambino, curare la sua crescita globale, sviluppare l’atteggiamento di ricerca, l’osservazione d’ambiente, la comunicazione con diversi linguaggi, la socializzazione con i coetanei e con gli adulti.
03_29_6Nel 1971, l’assessore alla pubblica istruzione era Daniele Lugli e la scuola, nonostante fosse stata costruita per avere anche una sezione di scuola materna, venne dedicata unicamente a due classi di scuola elementare: la prima e la seconda; la materna continuò ad esistere, per qualche anno, solo a Cona, uno dei paesi vicini a Cocomaro. di Cona
Dall’anno successivo si trasferirono alla scuola elementare di Cocomaro di Cona anche i bambini che frequentavano la scuola di Cocomaro di Focomorto, che nel frattempo venne chiusa; quindi si completarono i due cicli scolastici con tutte le cinque classi.
Per il trasporto degli alunni di Cocomaro di Focomorto venne istituito un servizio di pulmino gestito da un privato e pagato dal Comune.
Negli anni scolastici, 1972-’73 e 1973-’74, solo le classi prima e seconda funzionarono a tempo pieno (cioè con un organico di due insegnanti statali per ogni classe) mentre per le classi terza, quarta e quinta si organizzò un tempo lungo con il contributo del Comune.
Si iniziò infatti, su proposta dell’assessore alla Pubblica Istruzione, una sperimentazione di doposcuola con attività integrative condotte nelle ore pomeridiane da tre operatori comunali e con mensa interamente finanziata dal Comune.
In pratica tre classi (III, IV e V) avevano l’insegnante, cosiddetto “del mattino”,  mentre il Comune metteva a disposizione al pomeriggio tre dei propri animatori culturali per completare il tempo scuola di 8 ore giornaliere.
Riassumendo, il tempo pieno progettato per il secondo ciclo (III, IV e V) era composto da una collaborazione di risorse fra Stato e Comune.
03_29_17bisPer i primi due anni di funzionamento (dal 1971 al 1973), l’Amministrazione Comunale deliberò di sostenere gratuitamente i costi della mensa della scuola di Cocomaro sia fornendo proprio personale di cucina (una cuoca e la collaboratrice che faceva anche le veci dell’aiuto cuoca) che pagando le derrate alimentari.
Vale la pena ricordare che nella scuola di Cocomaro c’è il locale cucina perché è stata progettata come scuola materna altrimenti nelle scuole elementari, costruite prima di quel periodo, la cucina e il refettorio non c’erano in quanto l’organizzazione scolastica di quegli anni prevedeva per la scuola elementare il funzionamento antimeridiano dalle 8.30 alle 12.30.
Dopo varie richieste, nel 1974 arrivò dal Ministero alla Pubblica Istruzione l’organico sufficiente  per far funzionare a tempo pieno tutte le 5 classi della scuola, cioè dieci insegnanti: due per ogni classe.

Dal 1974 in poi, all’aumentare degli alunni aumentò anche la complessità della gestione, così il Comune, pur lasciando il proprio personale di cucina, chiese una collaborazione alle famiglie per l’acquisto delle derrate alimentari.
Da quell’anno quindi i genitori si organizzarono per acquistare gli alimenti.
Questa prima organizzazione, quella cioè in cui i genitori si organizzano per comprare le derrate alimentari che poi la cuoca comunale preparerà nella cucina della scuola, potrebbe essere definita come una prima forma “base” di autogestione.
03_29_6bisQuesto tipo di autogestione è andata avanti per oltre vent’anni, fino alla fine degli anni novanta, quando c’è stato un grosso cambiamento che ha dato il via alla seconda, e più importante, forma di autogestione da parte dei genitori che definirei “avanzata”.
Sia una scelta dei Comune di Ferrara, dettata dal bisogno di razionalizzare le spese che una legge che trasferiva il personale collaboratore dai comuni allo stato, ha costretto a rivedere l’organizzazione consolidata.
Infatti, il Comune, per problemi di bilancio, ha scelto di togliere il proprio personale di cucina dalle uniche tre scuole elementari a tempo pieno dove era impiegato: quelle di Baura, di Fondo Reno e di Cocomaro di Cona.
Inoltre i collaboratori scolastici, una volta trasferiti allo Stato, per contratto non potevano più prestare la loro opera anche per la mensa.
A quel punto le alternative per le famiglie e per la scuola erano due: accettare il catering oppure raccogliere la sfida dell’autogestione completa.
Tutte e tre le scuole elementari sopra citate scelsero la sfida dell’autogestione diretta. [Vedi nota 1 in fondo]
La gestione da parte dei genitori iniziò con gradualità: nel 1999 venne sottoscritta una “Convenzione_fra il Comune_di Ferrara_ed il Comitato_di autogestione della Mensa_annessa alla scuola elementare di Cocomaro di Cona”.
In quel documento, il Comune di Ferrara concedeva i locali adibiti a cucina senza alcun corrispettivo di oneri e lasciava in uso le attrezzature.
03_29_8Inoltre per l’anno scolastico 1999-2000 si impegnava a concorrere alla gestione della cucina con n° 1 unità di supporto; invece a partire dall’a.s. 2000-2001 il Comune si impegnava a fornire esclusivamente i locali, le attrezzature già in uso e a sostenere i costi generali per la fornitura di acqua, energia elettrica e gas metano per il riscaldamento.

Di conseguenza, l’anno dopo, il comitato dei genitori si è dato una forma legalmente riconosciuta: quella di Associazione senza scopo di lucro, con uno statuto concordato fra le tre scuole.
È il 2001 l’anno di nascita dell’Associazione “Comitato_Mensa” di_Cocomaro di Cona che aveva fra i suoi obiettivi: l’acquisto delle derrate alimentari ed i rapporti con i fornitori, l’assunzione di personale qualificato addetto alla preparazione dei pasti e responsabile del buon andamento della cucina e dei controlli igienico-sanitari sui cibi ai sensi del D. Lgs. 155/97, la definizione dell’ammontare delle rette mensili e la verifica dei regolari versamenti.
I genitori pertanto cominciarono dapprima a sperimentare progressivamente l’utilizzo di una aiuto-cuoca e dall’anno successivo hanno assunto anche la cuoca.
Negli anni dal 2001 in poi, le attrezzature della cucina sono state rinnovate ed adeguate alle esigenze igienico sanitarie a spese del Comitato Mensa.
Nel 2009 lo Statuto_è stato adeguato per renderlo più chiaro e meglio rappresentativo delle attività svolte dall’associazione (fra le altre cose il Comitato si assunse la responsabilità di promuovere attività di pre e post scuola).
L’organizzazione attuale del Comitato Mensa è descritta molto sinteticamente nelle righe seguenti.
La retta mensile 
03_29_11bisÈ decisa annualmente dal Consiglio Direttivo del Comitato Mensa.
La retta attuale della scuola primaria di Cocomaro di Cona è di euro 95 mensili che comprendono anche il servizio di post-scuola, dalle 16.30 alle 18, gestito dal Comitato Mensa per le famiglie che non riescono a ritirare i propri figli all’orario previsto. La retta del mese di giugno è compresa in quella del mese di maggio mentre quella di settembre viene pagata insieme a quella di ottobre (le due quote sommate danno un importo di poco superiore a quello della rata ordinaria mensile).
Oltre al pranzo, nella retta è compresa, per gli alunni e le alunne che lo desiderano, una merenda a base di frutta a metà mattina e anche al pomeriggio per gli alunni e le alunne che frequentano il post-scuola.
La retta è uguale per tutti indipendentemente dal reddito familiare.
Attualmente il costo per pasto è di 4 euro e 50 centesimi circa contro i 5 euro della quota pasto media del Comune di Ferrara.
03_29_18Dal confronto nel tempo fra l’ammontare della rata mensile della mensa di Cocomaro di Cona e quella media applicata dal Comune di Ferrara, si può dedurre che il costo per pasto è sempre stato inferiore a Cocomaro di Cona. Nonostante ciò il Comitato Mensa è riuscito nel tempo, oltre ai compiti ordinari, a rinnovare le attrezzature della cucina, a comprare materiale per uso didattico per la scuola anche di importi considerevoli (computer, proiettori, macchina fotografica, fotocopiatore e altro ancora) e ad avere in previsioni altre spese importanti per il rinnovo delle attrezzature.
Il costo del pasto dei docenti in servizio è pagato dallo Stato, tramite il Comune di Ferrara.

Le rette insolute
Il fenomeno, sempre abbastanza contenuto, ha assunto dimensioni diverse nel tempo.
Fino a diversi anni fa il Servizio Sociale del Comune riusciva a pagare completamente o parzialmente la retta per quelle famiglie che si trovavano in situazione di bisogno e non riuscivano a pagare con regolarità la retta della mensa.
Ciò non succede più per mancanza di fondi da parte del Servizio Sociale, per cui le soluzioni trovate sono state diverse: solleciti di pagamento, ulteriore rateizzazione della retta con proroga del pagamento, organizzazione di attività varie per la raccolta di fondi e altre forme di solidarietà. In ogni caso va precisato che s
ono sempre stati pochi i casi di rette insolute.
Il menù
Il menù è visionato ed autorizzato dall’Azienda ASL, in particolare dalla pediatria di comunità e dal dipartimento di sanità pubblica.
Esso si basa sulle linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica con la possibilità che sia ulteriormente calibrato anche in base alla restituzione che i bambini e i genitori fanno di quel tipo di menù.

Il numero dei pasti e le diete
03_29_8bis
Nel tempo il numero degli alunni che frequentano la scuola elementare “Bruno Ciari” di Cocomaro è aumentato sempre più, così il personale di cucina della scuola primaria “Bruno Ciari” di Cocomaro di Cona, rappresentato da una cuoca e da un’aiuto-cuoca, in questo anno scolastico sta preparando giornalmente 114 pasti per i bambini e 10/11 pasti per il personale, per un totale di 124/125 pasti al giorno per 5 giorni alla settimana.
Attualmente vengono preparate 14 diete diverse sia per problemi alimentari (malattie, allergie ed intolleranze) che per scelte di tipo etico, culturale e religioso.

A mio modesto avviso ciò rappresenta un elemento di grande attenzione ai bisogni e alle scelte individuali ma contemporaneamente anche un elemento di criticità viste le difficoltà organizzative dovute a così tante variabili in una cucina in cui sono impiegate due persone, di cui una sola a tempo pieno. 
I fornitori
Nel tempo, la scelta è sempre stata quella di portare sulle tavole prodotti di qualità privilegiando la “filiera corta”, servendosi cioè dai negozi del paese o delle frazioni limitrofe.
In passato erano i genitori stessi ad andare a fare la spesa, poi con l’aumentare degli alunni e di conseguenza del numero dei pasti, si sono tenuti presenti anche altri elementi quali il prezzo dei prodotti e la disponibilità da parte del fornitore a portare le derrate alimentari a scuola.
03_29_16bisIl momento del pranzo
Mangiare a scuola è un momento educativo ed ogni pasto è un occasione di apprendimento per cui se il luogo in cui si mangia è un grande refettorio, rumoroso, dove si pranza in tante persone  si rischia di perdere il rapporto umano che è molto importante sia per dialogare che per motivare certi bambini ad assaggiare i cibi meno familiari o quelli meno graditi come, ad esempio, le verdure.
Per questo motivo a Cocomaro di Cona ogni classe pranza insieme ai propri maestri o sui tavoloni che ci sono in aula oppure in altro locale.
In pratica avviene questo: alcuni bambini, a rotazione, apparecchiano la tavola; dopo poco arrivano la cuoca o l’aiuto cuoca con il carrello e i bambini si mettono in fila per ricevere il piatto del primo. La stessa cosa avviene poco più tardi per il secondo.
Il contenitore con la frutta invece è già a disposizione nel locale in cui si mangia.
Alla fine del pranzo, i bambini incaricati sparecchiano e riportano il carrello con i piatti, le posate, i bicchieri e le caraffe al personale di cucina.

Per altre informazioni e/o per contattare il Comitato Mensa potete scrivere a questo indirizzo elettronico: mensacocomaro.ciari@libero.it

Mi fermo qui sperando di essere stato chiaro; vi ringrazio per l’attenzione, rinnovo l’invito a scrivere eventuali integrazioni e/o precisazioni nei commenti a questo post e sono a disposizione per eventuali ulteriori infomazioni.

Pace a CocomaroNota [1] Qualche anno dopo però la scuola elementare di Baura rinunciò all’autogestione accettando il catering per cui, ancor oggi, le sole due scuole del Comune di Ferrara con mensa completamente autogestita sono quelle di Cocomaro di Cona e di Fondo Reno. Dai dati in mio possesso quasi sicuramente sono le uniche anche in provincia e probabilmente fra le poche a livello nazionale. Sono fortemente interessato a conoscere altre realtà di autogestione per cui riceverei volentieri contributi al proposito nei commenti a questo post.

P.S. Le immagini che completano questo post sono foto d’archivio della scuola “Bruno Ciari” di Cocomaro di Cona (FE); se vuoi ingrandirle ci puoi cliccare sopra.

03_29_15bis 03_29_16 03_29_10cinque
03_29_5 03_29_7 03_29_1tris
Annunci